CIVFIRCIV  Facebbok-tarvisium   YouTube-Tarvisium      

under 14 - 12° Big Challenge Under 14 - 13/14.05.17

Schermata 2017 05 16 alle 21.06.31

 

sabato 13, domenica 14 maggio 2017
Under 14 

Torneo di Noceto

 

12° Big Challenge Under 14

 1° Memorial Simone Sau


sabato 13 maggio 2017

 

1° incontro

Tarvisium - CUS Siena Rugby 12 - 0
P.T.: 3’ m. Mazzone 5-0; 5’ m. Vendramini tr Mazzone 12-0

2° incontro

Tarvisium - Rugby Viadana 1970 39 - 5
P.T.: 3’ m. Mazzone tr Mazzone 7-0; 7’ m. Crotti tr Mazzone 14-0; 10’ m. Ongaro 19-0
S.T.: 1’ m. Mazzone 24-0; 3’ m. Vendramini 29-0; 6’ meta Dotto 34-0; 9’ m- Mazzone 39-0; 10. M. Viadana 39-5

3° incontro

Tarvisium - Rugby Parma 1931 Junior 17 - 14
P.T.: 4’ m. Parma + tr. 0-7; 6’ m. Lizardo 5-7; 9’ m. Parma + tr. 5-14
S.T.: 8’ m- Mazzone 10-14; 10,00 m. Mazzone tr. Mazzone 17-14.

domenica 14 maggio 2017

 

1° incontro

Tarvisium - Rugby Colorno Junior 24 - 0
P.T.: 1’ m. Mazzone 5-0
S.T.: 2’ m. lizardo 10-0; 4’ m. Mazzone tr Mazzone 17-0; 8’ m. Lizardo tr Mazzone 24-0.

2° incontro/semifinale

Tarvisium - Brescia 7 - 8
P.T.: m. Mazzone tr Mazzone 7-0; 6’ c.p. Brescia 7-3; 10’ m. Brescia 7-8

3° incontro/finale terzo-quarto

Tarvisium - CUS Torino 7 - 14
P.T.: 5’ m. Torino + tr 0-7; 10’ m. Mazzone tr Mazzone 7-7;
S.T.: 6’ m. Torino + tr 7-14.

Si è appena conclusa la trasferta a Noceto dei nostri ragazzi della Under 14.
Una trasferta che ha evidenziato grandi miglioramenti, sia dal punto di vista del gioco che in quello comportamentale.
Un’under 14 che, pur falcidiata di alcuni elementi importanti, è riuscita comunque ad ottenere il 4° posto in una competizione ricca di avversari determinati, organizzati e fisici; aggiungiamo che se: per un punto Martin perse la capa … la Tarvisium perse la semifinale.
Già la prima giornata il girone si presenta complessa, con il Parma - forte di un “topolino” conquistato appena una settimana prima - il Viadana ed il Siena.
Nel primo incontro con il CUS Siena Rugby le “magliette rosse” ci mettono un po’ per entrare in partita: subiscono l’avversario e restano tutto il primo tempo nella propria metà campo, senza però concedere punti. E’ nella seconda fase che i “ruggers” si organizzano, fanno vedere gli artigli e partono all’attacco annullando il gioco degli avversati realizzando due mete, quindi concludendo 12 – 0.
La seconda partita, con il Rugby Viadana 1970, vede le “magliette rosse” correre sul filo dell’entusiasmo, facendo valere fin da subito il proprio gioco, e chiudere l’incontro 37 – 5.
La terza e più difficile sfida, con il Rugby Parma 1931 Junior, si presenta fin da subito ostica in quanto i “parmigiani” sono organizzati e vogliono imporre il proprio gioco e ci riescono: grazie ad un ottimo movimento della linea dei tre quarti “sfondano” e vanno in meta al 4’ minuto. Ma le “magliette rosse” reagiscono marcando subito dopo la propria meta, chiudendo il primo tempo 7-5 per il Parma.
Alla ripresa il Parma ricomincia a macinare metri fino a segnare la seconda meta, con un’azione ordinata copia della precedente (14-5).
I “ruggers” però non demordono, tirano fuori l’orgoglio e la giusta aggressività, ci credono e continuano a lottare fino a concretizzare anch’essi la seconda meta (8,21”).
Mancano due minuti ma ora ci credono ancora di più e, con un ottimo multi fase, creano il buco per realizzare la meta del definitivo sorpasso: conclusione 14 – 17, si passa primi del girone.
Domenica è il giorno della finali, ill primo posto nel girone ci garantisce la possibilità di giocare contro la seconda del girone A nella parte alta del tabellone. L’avversario della prima partita è il Rugby Colorno Junior.
I nostri Ruggers cominciano la partita un po’ contratti e subiscono la pressione degli avversari, ma prima della fine del primo tempo riescono a realizzare una meta che serve a togliere la ruggine dal motore della nostra squadra. La prima fase si conclude 5-0; nel secondo non c’è più Colorno che tenga, arrivano altre 3 mete e 2 trasformazioni: è semifinale!
L’avversario designato è lo Junior Rugby Brescia che ha sconfitto il Rugby Parma. La partita è estremamente equilibrata e le squadre si fronteggiano senza timori con il Brescia più manovriero e la Tarvisium più efficace negli attacchi. Il primo tempo finisce 7-3 per le magliette rosse dopo la meta trasformata dai nostri e un calcio realizzato dal Brescia. Nel secondo tempo però i nostri (ed in particolare gli avanti) cominciano ad avvertire la fatica dovuta al caldo e all’intensità della partita e “collezionano” una serie di calci contro per falli ripetuti in mischia (fuorigioco e mancato rispetto dei 10 metri)e anche un cartellino giallo. Il pallone rimane di fatto sempre agli avversari e la nostra squadra non riesce ad avere palloni disponibili per sviluppare azioni di attacco. E così la pressione del Brescia trova sfogo con la meta dell’8 a 7. I Ruggers provano a recuperare ma ormai il tempo è poco e nonostante il tifo dei genitori arrivati da Treviso, il sorpasso non riesce.
La delusione è tanta, la possibilità di giocare la finale è sfumata e non rimane che la finale per il 3^ e 4^ posto del Challenge.
La pausa pranzo consente di smaltire la delusione della sconfitta e di ricaricare un po’ le pile in vista dell’ultima partita che comincerà alle 14 contro il CUS Ad Maiora Rugbu Torino. Gli avversari sono subito arrembanti e qualcuno dei nostri è intimidito dal campo e dal pubblico in tribuna. Si lotta, si combatte ma gli avversari riescono a segnare e portarsi in vantaggio. La sofferenza è tanta ma un intercetto a fine primo tempo ci consente di portarci in parità 7-7.
Il secondo tempo vede il Cus Torino ancora in avanti e i nostri riprendono a farsi fischiare calci contro ... ormai è solo battaglia non c’è più lucidità o un piano di gioco ... ma lo spirito non basta: il Cus Torino segna ancora e un nuovo cartellino giallo taglia definitivamente le gambe alla possibilità di rimontare.

Complimenti agli avversari che hanno meritato la vittoria ma siamo orgogliosi di tutti i nostri giocatori che hanno dato tutto quello che avevano in queste due giornate.
Il torneo è la dimostrazione che la nostra squadra può competere con tutti ad armi pari e non che non deve avere paura di nessuno. Le cadute, le sconfitte, anche se bruciano, servono per rialzarsi e tornare a lottare per i traguardi più alti.

 

bravi

 

Schermata 2017 05 16 alle 21.07.14Schermata 2017 05 16 alle 21.07.37Schermata 2017 05 16 alle 21.08.25

 

 

 

 

5-x-1000

per mio figlio ok

sospensione attivita 2019 2020

 le firme

semo tutti del stesso stampo
la fotogallery della cerimonia

IMG 7795

 

ciproviamo2019 web

 

mischia u16

stella diploma int