CIVFIRCIV  Facebbok-tarvisium   YouTube-Tarvisium      

presa al volo / n°7

 

Le ragioni di un marchio

Valentino Colantuono

Alla fine degli anni ottanta, il mondo del marketing comunicava promuovendo i propri prodotti attraverso la pubblicità che chiamava advertising. Ma arriva la svolta, l'idea rivoluzionaria e' passare dal promuovere un prodotto al promuovere un marchio. Si passa dall'advertising al branding. Una delle aziende protagoniste di questo cambiamento è la Nike, esplode il fenomeno "swoosh", i clienti Nike non sono solo acquirenti di prodotti, ma si sentono appartenenti ad una tribù, accomunata ad un brand, alcuni di essi arrivano perfino a tatuarselo addosso. Il successo è planetario grazie anche ad un campione straordinario che non viene riconosciuto come un semplice testimonial ma diventa lui stesso parte del marchio: Air Michael Jordan! Il fenomeno del branding coinvolge molte aziende: Tommy hilfigher, Coca-Cola, Ralph Lauren, Reebok, McDonald's e tante altre.
Passa un decennio, Naomi Klein attraverso il suo saggio di successo No Logo, denuncia l'egoismo di queste multinazionali che per investire ingenti somme in comunicazione, producono economie delocalizzando nel terzo mondo grazie allo sfruttamento della mano d'opera locale. E sull'onda dell'indignazione nascono movimenti anti globalizzazione che riusciranno a mandare in crisi molte di queste aziende. Si chiude un ciclo.
Cosa c'entra tutto ciò con la Tarvisium e il rugby? Provo a dirvelo la prossima volta.

 

egiziani

presa al volo / n°6

presaalvolo6A

 

Tommy e Angelo!

Marco Buso

Questa settimana vogliamo dedicare la rubrica "presa al volo" a due nostri amici ed ex compagni di squadra: Tommaso Iannone e Angelo Esposito. I due sono stati tra i protagonisti della bella prova dell'Italia nella partita inaugurale del 6 Nazioni al Millennium stadium di Cardiff. Entrambi, dopo aver fatto tutte le trafile nelle giovanili della Tarvisium, sono approdati in Celtic League con la maglia della Benetton e ora rappresentano il futuro della nazionale italiana di rugby.
Tommy, dopo due anni di gavetta nel campionato di Eccellenza, ha raggiunto nel 2011 la franchigia trevigiana per poi cominciare, questa stagione, una nuova avventura tra le file delle Zebre. Grazie alle sue doti da utility back è riuscito a rientrare in pianta stabile tra i convocati della nazionale e a conquistare già 6 caps.
Angelo, invece, dopo aver vinto uno scudetto giovanile con la Tarvisium under 18 è stato selezionato dalla Benetton e, dopo un anno di duri allenamenti e poche presenze, i suoi sforzi e il suo potenziale sono stati finalmente riconosciuti dai tecnici che lo hanno inserito più volte in formazione, diventando pedina importante del XV trevigiano. In questo 2014 ha così conquistato anche l'attenzione di Brunel che lo ha selezionato e fatto debuttare da titolare nella partita inaugurale del 6 Nazioni; dopo una disattenzione iniziale dovuta sicuramente all'emozione, Angelo ha disputato 70 minuti di grande rugby proponendosi spesso nel gioco aperto e annullando più volte le cavalcate di George North in fase difensiva. Proprio al suo posto, nel finale di gara, è entrato Tommy che ha dimostrato grande presenza in campo nonostante i pochi minuti a disposizione.
Entrambi saranno nuovamente impegnati domenica allo Stade de France per il secondo turno del 6 Nazioni, ma a ruoli invertiti; questa volta sarà Tommy a indossare la maglia numero 14, mentre Angelo siederà in panchina pronto a subentrargli. Un grande in bocca al lupo da tutti noi che vi guardiamo e vi sosteniamo con orgoglio e ammirazione... Dai fioi!!!

 

presaalvolo6B 

presa al volo / n°5

 

Si riparte!

Valentino Colantuono

Da dove avevamo lasciato....
La nostra prima squadra riparte guardando gli altri dall'alto, con la voglia di restarci.
Le nostre due squadre juniores ricominciano i loro rispettivi gironi e la nostra u.16 torna in campo con il ricordo della vittoria di Udine.
Arriva il 6 nazioni e con il 6 nazioni arrivano i pomeriggi a base di soppressa e prosecco. Vedremo i nostri Tommaso jannone e Angelo Esposito e molti di noi li guarderanno con un pizzico di orgoglio nel cuore.
E con l'arrivo della primavera vedremo in campo i nostri ragazzi del minirugby nei classici tornei di sempre. Ragazzi vi racconto un episodio, accaduto quando giocavo in prima squadra. Al rientro in spogliatoio dopo una sconfitta, un mio compagno prese la parola e ci disse: "ragazzi oggi non sono triste perché ho perso, oggi sono contento perché ho giocato a rugby". Solo quando ho smesso di giocare ho capito davvero il significato di quelle parole.
In bocca al lupo a tutti!

 

presa al volo / n°4

 

Natale 2013

demoni

Finalmente ho il coraggio di affrontare l'argomento, la rossa penna che sto usando si è ritirata dentro la sua trasparente sede, ve lo giuro...
Quindi affrontiamoli una volta per tutte...
A modo mio, scrivendo, ascoltando i Queen, volevo gli Stones ma vista l'ora, 22,30,è meglio evitare!!
Parlare di demoni é affrontare se stessi, le ns. paure, affrontarle avendo in fianco una bottiglia di Matusalem, guardarla e non aprirla, pensare al suo profumo di Ron cubano com'è scritto nell'etichetta, anzi, a questo punto, lasciarsi andare e irrorare le labbra con un nettare di canna da zucchero, miele e 40 gradi di alcol, sentite i violini e il contrabbasso?
Quindi fuori i gabbasisi ragazzi miei, non sono Hemingway, sono bortolo, non ho fatto guerre, ho fatto il "celerino", e ne sono fiero, ho giocato con i migliori che potevo ambire, ho imparato ad avere un solo capitano, Pier, ma anche ricevere ordine solo dal tallonatore, ho rispettato i più giovani come Furlan e Conad, nello stesso tempo ho bevuto e applicato la sapienza del gioco dal mio allenatore, questi sono i Demoni positivi, ma sempre Demoni sono, visto che a 48 anni ne ho ancora il massimo rispetto!!!!!
Se penso ai miei demoni cattivi... non mi guardereste più in faccia, sappiate solo che ognuno di noi in armadio ne ha da vendere, la loro "gestione" é sinonimo di maturità!!!!
Non li vedete?, non li sentite? Provate a chiudervi in una stanza al buio... fatelo vi sto guardando... li sentite arrivare? Sembrano i Cavallieri dell'Apocalisse, non abbiate paura... ma rispetto, cari ragazzi dell'Under 16, essi fanno parte del vostro e nostro mondo, sfidateli, parlategli, chiedete cosa vogliono da Voi, ma impeditegli di prendere il controllo della vostra vita, non fateli decidere per voi, avete armi e mezzi molto forti per contrastarli, i vostri genitori, gli educatori della Tarvisium, ma sopratutto la vostra personalità, il demone positivo più forte in assoluto.
Da giovane pensavo che il mondo andasse dal Fantic Caballero alla Barbara Baldasso, vero Pier, al New Time, nota discoteca in Piazza Giustiniani, ritrovo di noi piazzarotti trevigiani.
Giocare al "Milani" mi ha portato a conoscere un mondo nuovo, fatto di principi non di frivolezze, ora voi siete al "Saint Paul Park", come l'appello io, casa nostra cazzo, dove si suda e si lavora per vincere, niente di nuovo e diverso dal vostro liceo o scuola di appartenenza.
Il mondo in cui giocate non pensate sia fatto da persone bioniche come il Presidente, Ino, Ruggiero, Vale, Pier, Vincenzo, la Pea o altri, sono tutti umani, scusate dimenticavo il segretario, altrimenti poi mi rompe i zebbedei, sono tutti umani, con i vs. stessi demoni, ne più ne meno, solamente gestiti in modo diverso.
Il mondo gira intorno al "volgo", alla parola, se osservate le grandi squadre in ogni fase di gioco parlano, si esortano e si sorreggono tra di loro a più non posso, questo insegna al non aver paura di parlare con i propri genitori, allenatori, educatori, noi tutti siamo qui per ascoltarvi e ve lo giuro non vi tradiremo mai qualsiasi cosa voi ci diciate.
Buon 2014 a tutti voi in particolare ad Andrey e Checco, scusate i miei preferiti dopo tutti voi capitano in testa,

Santa Claus Bortolo

 

presa al volo / n°3

40anni

 

un signor scudetto di 40anni!

Natalino Cadamuro

ma quanti ricordi....!!!

Qualche settimana fa sono tornato a L'Aquila per andare al concerto dei Modena City Ramblers e risentire così vecchi pezzi di battaglia come “Bella ciao”, “Contessa” e …. tanti altri. È stata la prima volta dopo il terremoto e l'impressione è stata desolatamente forte. Muovendomi tra migliaia (meglio dire milioni) di “tubi Innocenti” mi sono imbattuto in un manifesto che pubblicizzava lo spareggio per la Serie A del 2 giugno tra loro e noi. Mi sono fatto fotografare a fianco del manifesto con indice e mignolo puntati contro. Sappiamo come è andata. Sarà per un altro anno, se ci crediamo. Il ricordo è tornato allo spareggio di Firenze del 1972 quando abbiamo mancato l'obiettivo dello scudetto proprio contro gli Aquilani.

Anche allora la delusione è stata grande, anzi “grrrrandissima” e addirittura inconsolabile per i giocatori nati nel 1953 che non avrebbero potuto ritentare l'anno dopo perché fuori età: da Claudio “Achi” Lauro a Franco Polloni, a Gigi Cagnin, per citarne alcuni. Il lunedì non ce l'ho proprio fatta ad andare in ufficio: un misto di delusione, rabbia, dolore e tanti altri sentimenti laceranti! E l'anno dopo abbiamo ritentato, a dispetto delle opinioni di parte dell'ambiente rugbystico cittadino che riteneva la batosta troppo grande da consentire di trovare la forza per riemergere subito. Ricordo che durante l'estate del 1972 alcuni dirigenti di un club di Treviso sono venuti a casa mia offrendomi di confluire nella loro Società, così da avere una struttura capace di tutelarci in Federazione. In effetti, a Firenze era stata dura in tema di botte e solo grazie all'intervento del bravo arbitro Egidio Delaude alcuni nostri giocatori hanno....... “guadagnato” gli spogliatoi. In pratica “bechi e bastonai”!!! È stata una annata, quella del 1973, corsa tutta alla grande, con tantissima rabbia in corpo. Dopo le fasi regionali che ci hanno visto in continuo crescendo e che ci hanno permesso di mettere a posto meccanismi di corretta ma asfissiante pressione sull'avversario, siamo approdati alle fasi finali. L'organizzazione delle varie fasi, sia eliminatorie che finali, all'epoca cambiava quasi ogni anno. Nel 1973 il Campionato prevedeva tre finaliste: nord, centro e sud Italia. Vale a dire noi, Prato e Intercontinentale Roma. L'Intercontinentale giocava in Serie A e la sua giovanile era composta da “Romani de Roma” e da giovani di Colleferro, dove spesso questa squadra giocava. Ed è proprio a Colleferro che abbiamo fatto un pericolosissimo passo falso dopo aver superato in casa il Prato. Una partita nata male, con Bruno Francescato colpito duro e rimasto stoicamente in campo, finita con soli due punti di scarto a loro favore. E tante botte ai nostri sostenitori, alcuni dei quali finiti al pronto soccorso di Colleferro perché catapultati dalle tribune. Gli stessi che poi sono tornati a Treviso con il furgone del Cin. Peccato che il furgone si sia rotto a Incisa Valdarno, così da costringerli a campeggiare nel campo di calcio per una settimana in attesa della riparazione. E meglio stendere un velo pietoso sulla successiva partita dell'Intercontinentale a Prato. Vista la vittoria dei romani contro di noi e visto l'andamento della partita a Prato, con i locali che stavano prevalendo, l'allenatore dell'Intercontinentale avvicina verso la fine dell'incontro la panchina del Prato e dice più o meno così: ”Prato, è l'occasione per non far vincere una squadra veneta. Se ci lasciate vincere, la Tarvisium va sotto in classifica e non può più raggiungerci. Lo scudetto così esce dal Veneto.” Conti senza l'oste perché io stavo tra il pubblico, al di là della rete ma proprio in quel punto. Mi sono messo ad urlare come un ossesso contro il tentativo di “combine”. E con me c'erano Ino e Bobi Robazza (se la memoria non mi tradisce). Il Prato ha vinto e così la partita giocata a Casale tra noi e l'Intercontinentale è diventata lo spareggio finale. Che dire, non c'è stata storia. Un rullo compressore, il nostro, che ha frantumato letteralmente l'avversario. Ci siamo imposti per 45 a 0. Ed è stato il nostro primo scudetto........40 anni fa, cioè ieri. Perché la nostra Società sta bene, è forte, ha voglia di progredire e vuole ritrovarsi tra altri 40 anni per ricordare ancora il primo degli scudetti, perché il primo amore non si scorda mai. p.s.: Quell'allenatore si è scusato per l'episodio ogni volta che l'ho poi incontrato.

 

presa al volo / n°2

 

La leggenda di "tonibati"

Bortolo caon Montanelli

 

Non si tratta di leggenda ma di storia vera.....avevo appena terminato "la splendida avventura", con la vittoria del titolo italiano under 19, e mi trovai in quella "selva oscura" del campionato serie "C" riserve!

Era il momento di partire militari e di conseguenza la presenza mia e dei miei amici compagni di squadra era a spot, come si usa dire di questi tempi, andavamo ad allenarci ogni volta che la madre patria lo concedeva e il rivederci ci lasciava il sorriso per una settimana, più di una "passeggiata in resterà" con la morosa.

Un venerdì sera d'ottobre, il nostro Virgilio, Gigi Cagnin, ci convoca per una trasferta nel veronese, credo Valpolicella, ma non ci metto i gabbasisi a garanzia, il mio brain ha subito tante e tali disavventure che non mi fido di giocarmi le argenterie a supporto della squadra avversaria!!!!!!

Ore 7.30 Saint joseph, Sari's bar, l'unico che conosco é Massimo Furlanetto, mio compagno di squadra, una persona tranquilla, un piloncino con un palmares di guerre di trincea, di tutto rispetto, il resto della squadra erano dei veci, Gigi Cagnin a Ciano Zugno, il Maset trevigiano, lui metteva la testa dove altri mettevano i piedi, il buon Scotto detto Ampere, appena arrivato in Tarvisium pensavo fosse parente della famosa unità di misura, il grande Dal Cin e Tonibati.....

Lo giuro, davo del Lei a tutti, mi sembrava di essere in un museo, non in spogliatoio, i loro discorsi rimembravano sempre partite epiche dove a volte contava di piú il numero di giocatori usciti dal campo con epistassi, che il risultato finale.

Giornata dalla mite temperatura, i colli intorno creavano un paesaggio piú da scampagnata che da incontro di rugby, la lentezza del gioco, il peso corporeo dell'arbitro e di numerosi giocatori in campo, portava il tutto ad un movimento di palla molto stitico ma un gran numero di fasi statiche, ove le mani venivano usate chiuse a mo' di pugno, e velocemente posate a ridosso di zigomi e mascelle avversarie.

Inoltre, mentre i Rolling Stones cantavano Start me up, in campo era molto usato lo "stamping con scivolata finale" noto ballo su schiena avversaria, tassativo tacchetto da 23!!!!

Il buon Cin con voce cavernosa, non poteva essere diverso, a seguito dei numerosi episodi di scambio idee opposte, ci disse di stare calmi e di limitare le guerre con l'avversario, e nel caso estremo pronunciare la parola magica "tonibati", non capii subito il significato ma al primo episodio mi resi conto del valore della stessa....

Touche, io naturalmente gioco seconda linea, anca se no saltavo na gazeta, dal fondo touche parte la commanda; "toni se i ghe rompe i cojoni al ceo....bati!!!!!

Da quel momento mi sentii aladino con la lampada in mano, bastava pronunciare per esaudire ogni vendetta, Toni era alto circa 1,90, stempiato, con tratti somatici molto simili alle origini umane, taciturno, dalle braccia a penzoloni, molto lunghe, simil orango, le spalle ricurve ma larghe, umanamente era buono e sensibile ma all'udire la parola magica, tonibati, non ce n'era piu per nessuno, aveva lo stesso effetto del gong sul ring per Rocky Marciano.

La leggenda narra che a causa di un duro lavoro in africa, il buon Toni, sia rimasto troppo tempo sotto al sole, portandosi a casa non pochi problemi fisici e umorali, non prendete alla lettera questa versione, potrebbe essere una fesseria del tempo che va ad aggiungersi a tutte quelle che io scrivo saltuariamente, tanto per farvi sorridere, spero, in un momento di vita sociale non proprio radioso per tutti.

Assistevo alla partita della prima squadra contro i ricci Villorbesi e vedendo "HURRICANE DURIGON", mi è venuta l'idea di instaurare il "Trofeo Tonibati".

Competizione da assegnarsi, tipo "ignorante dell'anno", a colui il quale colleziona il maggior numero di cartellini rossi durante il campionato, ed il premio consiste nell'assistenza mantenimento campi da gioco, affiancando il sig:Busato o il sig:De Pieri, a seconda dell'esigenza.

I candidati sostanzialmente sono tre, "hurricane" Durigon, "Matrix" Mattarucco e il capitano "Achille" Pavanello.....Ai posteri l'ardua sentenza.

Chiudo scusandomi par e ciacoe....ma xe pi forte de mi scrvar monae, faccio appello ai più anziani di portare notizie o anedotti della cultura Tarvisium, sono convinto che se non si conosce il passato, non si può comprendere il presente, Arrrrivedooooorciiiiiiii, bortolo