CIVFIRCIV  Facebbok-tarvisium   YouTube-Tarvisium      

calcio d'inizio 13.04.17

calcio 13 04 17

 

Natale con i tuoi,

Pasqua con chi vuoi

 

Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi: coì recitava un vecchio proverbio e la nostra Under 16 sulle ali di un entusiasmo crescente per le belle prestazioni ha deciso per Pasqua di intraprendere il cammino per la Francia. La spedizione dei Ragazzi di Luca Pavin e Dante Russo varcate giovedì notte le Alpi saranno attesi nel cuore della “France Profonde” nella regione del Corrèze (Limoges): zona nota oltre che per le ceramiche e il vino anche per le Vacche Limousine (non intese come donne di facili costumi su auto berlina di lusso!) razza bovina che ha detta degli esperti fa il pari con la nostra Chianina, chissà se i nostri riusciranno ad addentarne un pezzo, a me è capitato e vi assicuro che, mi perdonino i vegani, è da capottarsi.
Tornando al rugby si tratta di un torneo ad invito (grazie Pierre Villepreux) che a cadenza triennale raduna una squadra della Under 16 per ogni Paese del 6 nazioni, in memoria di Louis Ttoffa, dando vita ad un torneo interessante, a scambi cultural/sportivi stimolanti e regalando ai ragazzi, che saranno ospitati in famiglie con giovani rugbisti francesi in casa, una esperienza sportiva e di vita irripetibili. Chiuderà il torneo un incontro tra una selezione Franco-Italiana vs una selezione Britannica (latinos vs aglosassoni)
La macchina organizzativa è partita da tempo: nella spedizione, oltre ovviamente ai già citati Luca e Dante, non potevano mancare Mario Carraro per curare amorevolmente pacche e acciacchi, Cosetta e Germano nel ruolo di accompagnatori e il duo Daniele e Paolo ai rifornimenti alimentari lungo il percorso (siamo su una botte di ferro!). Mi pare ci sia anche qualcun altro, ma non mi ricordo bene, non si offenda ….
Seguite su facebook, manderanno del materiale…..

 

Buona Pasqua e Avanti Ruggers

 

calcio d'inizio 02.04.17

calcio 02 04 17

 

Veronesi: “tuti Mati?”

 

Va in scena la quart’ultima di campionato e l’ultima per quest’anno allo stadio di Monigo. L’ultima la giocheremo al Conad Arena San Paolo.
La stagione è agli sgoccioli e i verdetti quasi certi: Valsugana e Colorno (anche se quest’ultimo ultimamente ha un po’ scricchiolato) alle semifinali, il resto della compagnia a disputarsi le restanti platoniche posizioni.
Attendiamo il Verona, avversario ostico tra le mura amiche, più abbordabile in trasferta, anche se sempre (senza offesa) rognoso. Per un centro recuperato un centro infortunato: l’ex Krusty Furlan non sarà della compagnia, peccato. Ma come sempre a dispetto della lista dell’infermeria tutto dipenderà da come si sveglieranno la mattina di domenica i nostri raga ( va bene che si dice aprile dolce dormire, però … ) Hanno dimostrato che se vogliono… Dopo La vittoria sul Colorno una prestazione opaca a Udine ed una migliore a Padova (non ingannai il risultato, quest’anno con loro ad Altichiero non ce n’è per nessuno). Dunque animo fioj, che ne dite di confezionare un pesce d’aprile ritardato? Sabato a nanna presto e andiamo a prenderci una rivincita con i Veronesi, che saranno anche” tuti mati” ma tutt’altro che sprovveduti: possono contare sui due italo-sudafricani Ryan e Marco Neethlimg (quest’ultimo, ala, con un passato in Overmach Parma e al Petrarca) e sul Pilone Romeno Monteanu. C’è anche un trevigiano, il pilone Mariano Balistreri. La nuova società scaligera ha programmi ambiziosi, ha trovato finanziamenti e sta investendo in campi e strutture. Noi siamo la Tarvisium!

 

avanti Ruggers!

 

Hermes

 

calcio d'inizio 25.03.17

calcio 26 03 17

 

Valsugana vs Tarvisium,

prima di ritorno


Dopo la vittoria sul Colorno ci sia aspettava una conferma di crescite, invece col passo del gambero, facciamo un passo avanti e due indietro. Ora si va ad Altichiero a incontrare il Valsugana per la quarta volta in questa stagione e non è che le prime tre siano andate proprio bene, anzi l’ultima in casa è stata proprio una caporetto.
A guardare classifica, precedenti e statistiche il pronostico si direbbe segnato. Gli uomini di Polla Roux stanno macinando tutti, hanno staccato (con il nostro aiuto!) la super favorita Colorno e hanno ipotecato la qualificazione alle semifinali. Magari non giocheranno un rugby affascinante ma sono squadra esperta, smaliziata e concreta. Insomma sono scafati e indubbiamente con un organico più omogeneo rispetto al nostro, cominciando da Roden, vero ispiratore del loro gioco.
Però Valsugana-Tarvisium, Padova-Treviso, non è mai stata una sfida banale. Anche se negli ultimi anni non siamo mai riusciti a violare il campo di Altichiero (neanche gli altri se è per questo) non si va mai in campo battuti. Quest’anno siamo stati capaci di buttare partite già vinte e vincere quando meno ce se l’aspettava.
Dipende molto da con che testa si va in campo. All’andata, quando il risultato era ormai segnato ricordo il loro capitano che incitava i suoi a “darci tutti i punti che ci meritavamo” e a continuare a pigiare sull’acceleratore per darci una sonora punizione, ad umiliarci: parole che ferivano, una sferzata al nostro amor proprio. Ricordatevelo ragazzi quando scenderete in campo, non ve la meritate un’altra lezione così. Stupiteci e fateci sognare. Poi vada come vada, ma a testa alta.
Per il resto la classifica è ancora corta e il campionato ha ancora molto da dire. Colorno contro il Brescia deve ritrovare il bandolo della matassa se non vuole rischiare di dire addio ancora una volta alla promozione e Verona Udine è la sfida più aperta. Attenti, si gioca alle 15,30; arriva l’ora legale….

Per finire tanti auguri al nostro coach Tony Green che giovedì ha compiuto gli anni….

Hermes

 

calcio d'inizio 19.03.17

calcio 19 03 17

 

Oh ce biel cjscjel a Udin. 3.0

 

19 Marzo serie A Udine-Tarvisium


“Ancora tu? ..ma non dovevamo vederci più?” Chi è cresciuto con Lucio Battisti sicuramente questa canzone la ricorda….

Così sembrava dovesse essere tra noi e Udine, almeno per quest’anno, alla vigilia dell’ultima decisiva trasferta, in una fredda giornata di gennaio, della prima fase del campionato in casi dei furlani: O noi o loro. Invece no! Noi e Loro e Casale relegato a sputare sangue nella poule salvezza!
Il freddo, le condizioni climatiche e soprattutto la posta in palio non favorirono certo il gioco e lo spettacolo in quell’occasione, ma il finale thriller e la gioia dopo lo spavento hanno valso il viaggio e tenuto ardente l’interesse della partita.
Domenica la partita vivrà di “pathos” e tensioni ben differenti: potrebbe non essere un male, per lo spettacolo, se prevarrà nei trenta in campo la voglia di giocare e di dimostrare qualcosa in prospettiva futura.
Noi e loro abbiamo cominciato questa seconda fase un poco scarichi e sono arrivate alcune (anche pesanti) sconfitte. I ragazzi di “Toni” e Chicco però nelle ultime due giornate hanno dato incoraggianti segnali di vivacità e ripresa. L’inaspettata quanto meritatissima vittoria sul Colorno ha infuso speranza e ottimismo in casa Tarvisium oltre a generare qualche dubbio nella testa degli emiliani.
Si torna quindi al Gerli in cerca di conferme e certezze. Il campo non sarà più ghiacciato ma non sarà il caso di andare a raccogliere margherite: serve concentrazione; La classifica si è accorciata e Verona e Brescia che hanno lo scontro diretto solo lì a portata di mano …. Il Valsugana va a trovare un Colorno in sicura ricerca di riscatto.
Gli stimoli per far bene non mancano.
Dallo staff filtrano scarse notizie, ma a parte Fagottino, la sosta favorirà un po’ di recuperi

Hermes

 

calcio d'inizio 05.03.17

calcio 05 03 17

 

mission Impossible?

 

Per la quarta di andata arriva a Monigo il Rugby Colorno. Colorno è un’amena cittadina della Bassa Parmense di cui si conosce la specialità gastronomica di tortéj dòls, tortelloni con ripieno agrodolce, che suggerisco ai nostri supporters di andare a gustare alla partita di ritorno. Per andare alla partita, se i nostri baldi giovani non vogliono fare la fine della sfoglia sarà bene che si armino di concentrazione, sacrificio, abnegazione, disciplina tattica e soprattutto testa. I parmensi infatti hanno costruito una squadra robusta con il palese obiettivo di salire in Eccellenza, dopo due anni di tentativi andati a vuoto. Da tenere d’occhio l’estremo Bronzini. I nostri centri dovranno vedersela con una coppia di qualità (Castagnoli e Scalzi). Ottima l’apertura francese Mornas (dal Racing), con un discreto piede e forte nell’uno contro uno. Neppure in mischia scherzano, con una seconda linea Francese di 2 metri e 130 kg Nibert (Stade) e due buoni piloni Geogan – Gilding. Fin qui hanno rullato tutti. Anche se carnevale è finito, avranno le magliette rosse la forza di giocare uno scherzetto agli Emiliani? Così sulla carta, pare un’impresa impossibile, si dice che il segreto per realizzare imprese impossibile sia di ignorare semplicemente che sono impossibili. Abbiamo una squadra giovane (col Brescia età media 22 anni o poco più, ma forse domenica torna Beniamino ad alzare la media!), che merita rispetto indipendentemente dalle ultime prestazioni. Gli obiettivi delle due società sono molto diverse in questa fase. Noi si va in campo per crescere e fare esperienza. Abbiamo un solo vantaggio: in questa partita non abbiamo nulla da perdere a patto di scendere in campo con il desiderio di dare il massimo, senza pensare alle assenze e soprattutto senza ansie da risultato: chi c’è deve farlo vedere. Lo stesso vale per il pubblico e i sostenitori: è in queste occasioni che si vede l’amore per la squadra. Poi prendetevi le due settimane di pausa per il 6 nazioni.

Scommessina? Domenica ci sarà qualcuno che vorrà copiare la tattica di O’Shea. Speriamo non diventi ‘na moda…

 

Avanti Ruggers!

 

Hermes

 

calcio d'inizio 19.02.17

calcio 19 02 17

 

Terza di andata della poule promozione:

va in scena

Ruggers Tarvisium - Junior Rugby Brescia

 

Finalmente per le magliette rosse si riaprono i cancelli dello stadio di Monigo!
Quest'anno era successo solo una volta: aveva portato bene, con la vittoria su Udine dopo due sconfitte interne.
Nel logo dei Bresciani c'è una zampa di leone, con tanto di artigli: da piccoli ci insegnavano che Carducci chiamò Brescia la Leonessa d'Italia, per la fierezza di come combatté nel risorgimento. Domenica cercheranno, come noi, una sorta di resurrezione. Tanto per restare in tema di nobili felini, per l'occasione dovremo domarli nello stadio dei “leoni” (simbolo della repubblica Veneta che dominava fin oltre Brescia, appunto).
Tutte e due le squadre vengono da un inizio di fase promozione quanto mai incerto con pesanti passivi.
Per entrambe un'occasione di rilancio in un incontro che si preannuncia equilibrato ma abbordabile, quindi delicato. La posta in palio è invitante e al contempo pericolosa: c'è la possibilità di risalire fino al quarto posto (Udine che ci precede di un punto riceve un Valsugana lanciatissimo). Per chi perde in compenso, l'ultimo posto in solitario.
Le ultime prestazioni hanno dato l'impressione che, scontato lo sforzo per togliersi dalle sabbie mobile e dai pericoli della poule retrocessione (vero Casale?), i nostri baldi giovani siano un po' svuotati. Noi tutti auspichiamo sia solo un passaggio momentaneo.
Quale migliore occasione di riscatto che il Tarvisium Day? Dal concentramento del minirugby, (vero spettacolo da gustare, che ci riconcilia con lo sport supremo dopo le delusioni della nazionale) alla partita della prima squadra, un passaggio di testimone suggestivo. Tutti hanno cominciato dal minirugby e molti di quelli che calpesteranno la “pelouse” del Monigo sono frutto del nostro vivaio. E ci sarà molto minirugby a seguirli. Meteo favorevole, temperature in rialzo.
Ci sono tutti gli ingredienti per una splendida giornata: ricevuto il messaggio? Un'ultima raccomandazione: occhio all'indisciplina, a Verona ci è costata cara. Oltre alle assenze che ci tormentano da inizio stagione, ultimo in ordine cronologico quello di Giovanni Fagotto, non diamo altri vantaggi.

 

Avanti Ruggers